I cantici dell’Antico Testamento

Don Claudio ha concluso il trentesimo Corso Biblico Diocesano, in Seminario a Savona: quest’anno è stato dedicato ai Cantici dell’Antico Testamento inseriti nelle Lodi della Chiesa.

Nella prima serata (15 ottobre 2019) sono stati letti e commentati i due cantici di Mosè, l’inno di vittoria per il passaggio del Mar Rosso (Esodo 15) e il poema di rimprovero per l’infedeltà del popolo (Deuteronomio 32).

Nella seconda serata (22 ottobre 2019) i testi trattati sono stati quattro: il cantico di Anna e di Davide (1Samuele 2 e 1Cronache 29) e le preghiere di Abacuc ed Ezechia (Abacuc 3 e Isaia 38)

Nella terza serata (29 ottobre 2019) sono stati letti e commentati cinque cantici: due poemi di Geremia  (Geremia 14 e 31) e una profezia di Ezechiele con due cantici posti all’inizio del libro di Isaia (Ezechiele 36 e Isaia 2 e 12).

Nella quarta serata (12 novembre 2019) sono stati studiati i tutti testi che la Liturgia delle Ore ha desunto dal grande rotolo di Isaia: dapprima quelli del Secondo Isaia (Isaia 40 e 42 e 45), poi due cantici attribuiti al Terzo Isaia (Isaia 61 e 66).

Nella quinta serata (19 novembre 2019) abbiamo concluso l’esame dei cantici di Isaia, considerando due poemi di genere apocalittico (Isaia 26 e 33), per poi esaminare i tre cantici che la Liturgia delle Ore trae dal libro di Daniele (Daniele 3).

La sesta e ultima serata (26 novembre 2019) ha preso in considerazione i cantici tratti da testi biblici sapienziali: dapprima le preghiere desunte dai libri di Tobia e Giuditta (Tobia 13 e Giuditta 16), quindi i poemi del Siracide e dell’ultimo libro anticotestamentario con cui la Liturgia delle Ore ci insegna a domandare il dono della sapienza divina (Siracide 36 e Sapienza 9).

Buon ascolto!

No comments yet

Comments are closed